News

Rwanda Variopinto #25 anni !| 8 luglio| Bollate

Una serata per tornare ad incontrarci di nuovo dal vivo!

#savethedate: incontro Variopinto online| merc 26 mag | h. 21.00

Ecco tutte le info per partecipare all’incontro “Progetto Nyampinga, scuole materne e centro di Mugombwa: il cammino Variopinto prosegue”:
☑️Per condividere riflessioni e domande dal vivo è possibile iscriversi al meeting a questo link:
Si riceverà poi una mail con il link diretto per accedere alla serata.
☑️Sarà possibile seguire l’appuntamento anche in live streaming sul canale YouTube dell’associazione qui:
Vi aspettiamo mercoledì 26 maggio alle 21,00!

 

(altro…)

La salute non ha prezzo, ma in Rwanda ha un costo

 

 

 

Puoi leggere la lettera di Paolo, presidente di Variopinto qui.

 

Qui è invece possibile scaricare la presentazione del progetto Nyampinga e del percorso “La salute non ha prezzo, ma in Rwanda ha un costo”.

 

Insieme per le ragazze di Nyampinga…

Non comprendere e soffrire, pensare di avere trovato la giusta risposta e agire. 

Questo è quanto ci è successo, quando  le autorità rwandesi  hanno  ordinato la chiusura di tutti i centri di accoglienza. Scelta non condivisa ma alla quale abbiamo dovuto adeguarci. E tra questi centri c’è Nyampinga, il centro delle ragazze sole ed abbandonate che da anni seguiamo. Un centro che nel tempo è diventato  punto centrale del nostro essere in Rwanda, ma, soprattutto luogo di speranza per un futuro  per le molte bambine, ragazze che vi hanno vissuto, che lì sono cresciute. Luogo di attenzione, amore e perché no, di tutto quello che serve per vivere, per crescere.

 

 

Che fare? Come poter garantire un futuro alle “nostre” bambine e ragazze?

 

 

Così, dopo dubbi, timori, speranze, il Centro Nyampinga si è trasformato nel progetto Nyampinga. 99 famiglie che hanno accolto o dovuto accogliere  le 99 ragazze che erano presenti al centro. L’equipe degli educatori che anziché lavorare al centro, lavorano andando a visitare nelle loro nuove case le ragazze. E così facendo, purtroppo, le problematiche, i bisogni, sono enormemente aumentati.

 

Non più il farsi carico di una ragazza, ma l’attenzione a tutta la famiglia. Non più l’attenzione alla singola persona, ma l’attenzione al contesto dove la ragazza vive. Così è aumentato l’impegno. Aumentati i dubbi. Aumentati i costi. Aumentata quella visione di società in cammino che talvolta sfuggiva all’interno del centro e, ancor più grande è apparsa la fatica del vivere. La casa che non c’è. Il lavoro che manca. La costruzione del futuro che si riduce a mettere insieme un pasto e quando possibile una cena.

 

Ma, consci di tutto questo vogliamo continuare. Forse un sogno, forse un’illusione, forse l’ultima carta da giocare per il futuro di Jeanne, Claudine Veronique… E per questo siamo a chiedere aiuto. Partendo da un elemento fondamentale e semplice come la salute e l’igiene.  Una sorta di tessera sanitaria che in Rwanda dà diritto all’assistenza medica di base  e quanto può servire per l’igiene personale di una persona per un anno, tutto questo per un costo pari a  circa 24 euro all’anno. Se vuoi ti chiediamo di aiutarci a garantire a tutto il progetto Nyampinga questo kit sanitario.

 

Sembra poco, ma igiene e sanità sono fondamentali per la crescita e la vita di ognuno. Un piccolo grande passo in avanti, che insieme a tutti gli altri piccoli passi che stiamo pensando,(scuola, formazione, microcredito…)  possono portare a una vita che sia degna di chiamarsi vita. E forse, anche questo, ci aiuterà a pensare che in fondo la strada da compiere è più importante della casa a cui arrivare.

Grazie

per i Variopinti
Paolo

 

Progetto cure mediche | ripresi gli interventi

Un’immagine che potrebbe sembrare una fra tante, ma che in realtà ha dietro di sé molto. Non un traguardo raggiunto, ma una tappa importante conquistata, con la voglia di riprendere il cammino.

(altro…)

Nyampinga, Mugombwa e le materne | ultime notizie

EMERGENZA COVID-19 | GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

Negli ultimi mesi in Rwanda la curva dei contagi ha subito una decisa crescita, tanto che dal 18 gennaio all’8 febbraio per la capitale, Kigali, è stato imposto uno stringente coprifuoco, simile a quello dell’aprile dello scorso anno, con la chiusura di tutte le attività non essenziali, lo stop al trasporto pubblico e alle scuole. Progressivamente nelle settimane successive le misure di contenimento si sono allentate, mantenendo però rigide limitazioni per tutto il territorio nazionale.

(altro…)

Pasqua Variopinta per il Rwanda!

Grazie alla Pasqua Variopinta potrai fare un gesto concreto per sostenere la quotidianità dei bambini e dei ragazzi diversamente abili del centro di Mugombwa, delle bambine e delle giovani sole del centro di Nyampinga e dei piccoli iscritti delle 12 scuole materne in Rwanda.

(altro…)

Rwanda Variopinto #25anni | dove si può trovare

“Rwanda Variopinto #25anni”, il volume fotografico nato in occasione del quarto di secolo del cammino di relazione di Variopinto in Rwanda cammina e cammina e sta raggiungendo anche tanti angoli della Lombardia.

 

(altro…)

25 anni Variopinti | lun 07/12 diretta su YouTube!

Variopinto in questo 2020 spegne 25 candeline. La serata in diretta YouTube vuole essere un momento di condivisione, seppur da remoto, con tutti coloro che in questi 25 anni hanno camminato insieme ma anche per incontrare nuovi amici e guardare al futuro. In questa occasione sarà presentato il libro fotografico nato per il “quarto di secolo” dell’associazione che abbiamo scelto di intitolare “Variopinto Rwanda #25anni”, frutto di un percorso di questi mesi, a partire da marzo. Non solo la storia, ma il tentativo di comunicare attraverso le immagini, e anche attraverso degli hashtag, quel cammino di relazione ed amicizia tra Italia e Rwanda, le faticose salite, ma soprattutto i sorrisi. Perché “La strada da condividere è più importante della casa a cui arrivare…”

Variopinto compie #25anni | libro fotografico

25 anni. E sì perché Variopinto, proprio in questo 2020, spegne 25 candeline. Un anniversario simbolico che avevamo pensato di condividere con tutti coloro che in questo quarto di secolo hanno camminato insieme, costruendo e stringendo relazioni. Davanti ad un piatto di sambusa, ascoltandoci e confrontandoci durante un incontro, incontrandoci davanti alla foto di una mostra fotografica o scambiando qualche parola durante un laboratorio per bambini. In quest’anno non è stato possibile: solo un rinvio, però, a quando la situazione ce lo permetterà.

(altro…)